L'INTELLIGENZA ARTIFICIALE
Tra logica, etica ed estetica
Biblioteca Civica ``Villa Burba``, Rho (MI), Corso Europa 291
IL CIELO, L'UOMO,
LA SCIENZA
Civico Planetario ``Ulrico Hoepli``, Milano, Parco Indro Montanelli
LA SOCIETÀ CONTEMPORANEA
TRA DENARO E POTERE
Biblioteca Civica ``Villa Burba``, Rho (MI), Corso Europa 291

I nostri speakers

Uno sguardo più da vicino ai nostri speakers.


Davide Venturi

Davide Venturi

Dottore in Filosofia

Sono nato a Milano il 30 agosto del 1995, la città in cui vivo e studio tuttora.

Nel 2017 mi sono laureato in Filosofia presso l’Università degli Studi di Milano, con una tesi in filosofia del linguaggio intitolata “Il linguaggio pirahã: una controversia linguistica”, supervisionata dal prof. Alessandro Zucchi.
Mi laureerò nel 2019 in Musicologia, presso la stessa università, con un’edizione critica di una raccolta musicale inedita, seguita dal prof. Davide Daolmi e dal dott. Carlo Lanfossi: il Primo libro di villanelle di Giovanni Girolamo Kapsberger (1610).

Collaboro con Sophron dal 2018 come autore di articoli e, in seguito, come speaker dei progetti FilosofiAMO e ARSophia. I miei interessi sono incentrati principalmente sull’utilizzo e le proprietà dei linguaggi naturali, la storia della musica, i rapporti tra musica e linguaggio (soprattutto agli aspetti semantici e pragmatici della musica), l’early music, la popular music e l’analisi delle culture musicali, con particolare attenzione alle sottoculture heavy metal. Negli ultimi tempi mi sto interessando alla sociologia, in particolar modo al fenomeno della negligenza, ai rapporti di questa con il potere, ai processi di legittimazione e delegittimazione e all’importanza del simbolo.

Nel tempo libero mi dedico alla musica, alla composizione amatoriale, all’arrangiamento di brani e soprattutto allo studio del liuto, strumento musicale da me molto amato. Svolgo occasionalmente anche l’attività di fonico per piccoli eventi pubblici e privati.

Il mio motto è: “il mezzo più sicuro per essere felici consiste nel non chiedere di diventare molto felici” (A. Schopenhauer)

Contattami a: davide.venturi@sophron.it

Francesco Marsigli

Francesco Marsigli

Dottore in Filosofia

Nato a Bologna il 25 giugno 1996, sono cresciuto a Bazzano, piccolo paese della provincia felsinea, dove vivo quando non sono a Milano, città dove invece studio.

Concluderò il mio percorso di laurea magistrale in Scienze Filosofiche nell’anno accademico 2019-2020 presso l’Università degli Studi di Milano, discutendo una tesi sul pensiero di Jean-Paul Sartre, area a cui sono approdato dopo un percorso di studi eclettico. Nel 2018 ho conseguito la laurea triennale in filosofia con il massimo dei voti, con una tesi nell’ambito della filosofia della mente, supervisionata dal professor Andrea Zhok, dal titolo “Analisi critica degli argomenti di Frank C. Jackson”.

Dopo la laurea magistrale, vorrei proseguire il mio percorso di studi tramite un dottorato in un ateneo italiano o europeo, mantenendomi nell’area della filosofia continentale contemporanea, cercando così di accedere alla carriera accademica.

Ho cominciato a collaborare a Sophron nel 2016, scrivendo articoli per diverse sezioni del sito. Dal 2018 sono speaker per le altre iniziative collegate al progetto: in queste mi impegno a mostrare la profonda problematicità nascosta in pratiche e opinioni comunemente accettate e condivise, fedele al motto “il filosofo è colui che si preoccupa che ciò che funziona nella pratica non funzioni in teoria”.

Contattami a:
francesco.marsigli@sophron.it

Mattia Merlini

Mattia Merlini

Dottore in Filosofia

Sono nato a Silandro, un piccolo paese della provincia di Bolzano, il 23 aprile del 1995. Oggi vivo tra Merano (BZ), dove ho anche frequentato il liceo da pendolare, e Milano, dove ho frequentato l’università. Mi laureerò a fine 2019 in musicologia presso l’Università degli Studi di Milano con una tesi in Popular Music Studies supervisionata dai prof. Maurizio Corbella ed Emilio Sala: Il progressive nell’epoca della sua esistenza postmoderna. Mi sono laureato col massimo dei voti in filosofia presso la stessa università nel 2017, con una tesi in filosofia teoretica supervisionata dal prof. Paolo Spinicci intitolata Le proprietà espressive del silenzio in musica. Sto cercando un dottorato in Scandinavia, mentre sono al lavoro sulle mie prime pubblicazioni su riviste scientifiche.

Per Sophron mi occupo di gestire la sezione Musica & Cinema, e sono speaker fisso delle iniziative FilosofiAMO e ARSophia dal 2017, in cui porto interventi che cercano di valorizzare il rapporto tra le arti e la filosofia. Sono inoltre attivo nell’ambito della produzione musicale e cinematografica, infatti mi occupo di praticamente ogni fase della produzione dei lungometraggi della IGELfilm, piccola produzione cinematografica del cui direttivo faccio parte, e mi metto a disposizione anche di altri filmmakers principalmente come fonico e compositore, mentre mi occupo anche di una carriera musicale indipendente a tempo perso.

Contattami a: mattia.merlini@sophron.it

Stefano Nicoletti

Stefano Nicoletti

Dottore in Filosofia

Sono nato a Parabiago, un paese di qualche decina di migliaia di abitanti nell’hinterland milanese, il 20 dicembre del 1995. Oggi vivo tra Milano e Urbino (e sui treni che le collegano): le due città in cui ho studiato e studio tuttora. Mi laureerò nell’anno accademico 2018-2019 presso l’Università di Urbino, dove ho studiato Filosofia dell’Informazione e dove sto lavorando alla stesura della mia tesi in Logica e Computer Science sotto la supervisione dei professori Pierluigi Graziani e Alessandro Aldini: I fondamenti della computer virology e il problema della viral detection. Mi sono laureato in Filosofia presso l’Università degli Studi di Milano nel 2017, con una tesi nell’ambito dell’etica della privacy, supervisionata dai professori Marcello D’Agostino e Alberto Martinengo, dal titolo: An ethical overview on the problem of public-private blending in today’s information society.

Dopo la laurea magistrale mi piacerebbe poter proseguire il percorso universitario tramite un dottorato in Europa e, recentemente, ho pubblicato il mio primo articolo in una rivista scientifica e tenuto il mio primo talk accademico in occasione di una Summer School presso l’Università di Tübingen.

Sono l’ideatore di Sophron e sono speaker e co-fondatore delle iniziative FilosofiAMO e ARSophia, in cui mi spendo per dare valore alle idee filosoficamente interessanti che l’odierna società dell’informazione ci presenta, a cavallo tra filosofia, logica e computer science. Sono inoltre socio del CEST | il Centro per l’Eccellenza e gli Studi Transdisciplinari, un’associazione di giovani ricercatori sita in Torino, che unisce la ricerca accademica all’organizzazione di eventi di caratura internazionale e di rilevanza culturale.

Sono, a tempo perso, anche un grande appassionato di tecnologia e di informatica.

Contattami a: stefano.nicoletti@sophron.it

I nostri eventi, nel dettaglio

Scopri il perché, quando e dove dei nostri eventi.

L'intelligenza Artificiale

Tra logica, etica ed estetica

Perché

L’idea del ciclo di incontri dedicato all’Intelligenza Artificiale nasce da un’esigenza che la vita quotidiana mette davanti agli occhi di ciascuno di noi: gli algoritmi, le decisioni automatizzare e le cosiddette AIs, le Intelligenze Artificiali appunto, giocano un ruolo sempre più di rilievo all’interno della società a noi contemporanea.

I contenuti che fruiamo sui maggiori social network e sulle nostre piattaforme di streaming preferite, le modalità con cui vengono elaborati i dati che disseminiamo nel mondo digitale, i mezzi con cui aziende e società prendono decisioni razionali in maniera automatizzata e persino le nostre performance artistiche e musicali: con tutto questo, e molto altro, si intrecciano le attività degli agenti artificiali.

Per rispondere alle domande filosoficamente interessanti, e alle paure talvolta irrazionali, che questo contesto iperconnesso, e ricco di interazioni tra uomo e macchine, ci pone di fronte Sophron ha ideato una serie di incontri, suddivisi su tre giornate, in cui tali questioni vengono affrontate con perizia, ma sempre in modo accessibile. Non mancherà il dialogo con il pubblico: anzi, i veri protagonisti delle nostre iniziative siete voi!

Facebook defines who we are, Amazon defines what we want, and Google defines what we think.

George Dyson

Quando

Il ciclo si articola in tre incontri, della durata di circa due ore e mezza: indicativamente, dalle ore 15.00 alle ore 17.30. Di seguito il programma dettagliato di ciascuna giornata:

Sabato 5 Ottobre. I computer possono pensare?

Quando si parla di intelligenza artificiale, di cosa si sta parlando? Quali sono le basi teoriche di questa affascinante sfida del XX e XXI secolo? Nel primo incontro affronteremo le basi filosofiche della comprensione della mente e dell’intelligenza e ne vedremo una prima applicazione tecnica attraverso l’analisi delle Macchine di Turing.

Sabato 9 Novembre. L'Intelligenza Artificiale forte

Sono molti i timori che circondano l’Intelligenza Artificiale: quanto è vicina la singolarità? I robot ci conquisteranno? Affronteremo il problema tramite gli studi di Luciano Floridi e di John Searle per distinguere tra Intelligenze Artificiali forti e deboli, per comprendere quali siano i problemi che realisticamente potremmo incontrare nel futuro più prossimo.

Sabato 7 Dicembre. La creatività computazionale

L’evoluzione dell’informatica ha portato molte innovazioni nella vita di tutti giorni, tra cui anche lo sviluppo di software dedicati alla creazione di musica, letteratura e pittura. Affrontando un caso di studio legato alla composizione musicale, analizzeremo le problematiche estetiche legate a questi utilizzi dell’Intelligenza Artificiale.

Dove

Il cielo, l'uomo, la scienza

Le rivoluzioni scientifiche e la filosofia

Perché

Ormai al secondo incontro presso il Civico Planetario “Ulrico Hoepli” di Milano, Sophron replica l’evento di successo della scorsa stagione Il cielo, l’uomo, la scienza.

Prendendo come riferimento eminenti figure di filosofi e scienziati, analizzeremo l’epocale rottura intercorsa a seguito della rivoluzione astronomica. Il passaggio dalla concezione geocentrica dell’Universo a quella eliocentrica produce, infatti, un nuovo modo in cui l’uomo può concepire se stesso: dal XVII secolo egli non è più al centro di un mondo costruito su misura per lui, ma si ritrova, senza scopo, in un Universo immenso, dove il suo ruolo risulta insignificante.

La filosofia è scritta in questo grandissimo libro che continuamente ci sta aperto innanzi a gli occhi (io dico l’universo) […]

 

Galileo Galilei

Quando

La conferenza inizierà alle ore 21.00 e durerà un'ora circa. Invitiamo i partecipanti ad arrivare con debito anticipo sul luogo, onde evitare file o disagi. o

Martedì 19 Novembre. Il cielo, l'uomo, la scienza

Da allora, la percezione che l’uomo stesso ha avuto di sé e dei paradigmi che lo avevano accompagnato per secoli ha cominciato a vacillare. Come è possibile che il soggetto che guarda il mondo e la descrizione che ne deriva siano così vincolate l’uno all’altra? Più in generale, qual è il legame tra l’uomo e il mondo che descrive? Può un soggetto che indaga il mondo tramite il metodo della scienza astrarsi totalmente dalla propria visione delle cose?

Per rispondere a queste domande, analizzeremo brevemente le nozioni di teoria e di paradigma, concentrandoci sul ruolo che il soggetto-scienziato ricopre non soltanto durante la pratica scientifica, ma anche nella costruzione dell’oggetto stesso della sua ricerca, ovvero le leggi di natura che ordinano il mondo. La conclusione vedrà quindi una rivalutazione dei due poli del problema, essere umano e scienza, e la proposta di un modo alternativo di considerare il rapporto che li lega.

Dove

La società contemporanea tra denaro e potere

Uno sguardo nell'immagine riflessa della nostra quotidianità

Perché

Denaro e potere si configurano sicuramente come due poli attrattivi della contemporaneità.

Entrambi questi fattori, oggi più che mai, sono interconessi al mondo della rete: censura, transazioni monetarie online, criptovalute, sorveglianza di massa e algoritmi da cui dipendono le vite di milioni di persone. A questo si aggiunge una complicata sovrastruttura fatta di relazioni tra il mondo politico e il mondo economico; relazione che ha impegnato (quantomeno) i pensatori degli ultimi duecento anni, a partire da Karl Marx.

In questo sfaccettato ciclo di incontri, Sophron si propone di analizzare il rapporto che intercorre tra il denaro e il potere, all’interno delle declinazioni contemporanee che influenzano la vita di ciascuno di noi. Come da tradizione, nei nostri laboratori, gli argomenti verranno trattati in maniera seria ma informale: il vero protagonismo sarà il vostro, all’interno del dibattito a cui tutti noi parteciperemo!

Vai fuori di qui! Le ultime parole vanno bene per gli sciocchi che non hanno detto abbastanza in vita.

 

Karl Marx

Quando

Il ciclo si articola in tre incontri, della durata di circa due ore e mezza: indicativamente, dalle ore 15.00 alle ore 17.30. Di seguito il programma dettagliato di ciascuna giornata:

Sabato 22 Febbraio. Potere e dati

Chi possiede conoscenza, ha potere. Oggi la raccolta dei dati tramite internet è una delle attività più diffuse e capillari, a cui spesso ci sottoponiamo volontariamente, e che permette a chi detiene questi dati di esercitare un netto potere sulla società. Analizzeremo vari casi specifici in ambito economico, elettorale, militare e artistico, per valutare le implicazioni di questi processi sulle decisioni degli individui e sulla loro vita.

Sabato 28 Marzo. Potere e censura

L’utilizzo della censura è stato onnipresente nei regimi totalitari del XX secolo ma oggi non è scomparso: le nuove tecniche di censura vanno dalla coercizione all’autocensura indotta o all’utilizzo di tecnologie particolari. Queste sono utilizzate tanto dai paesi autoritari quanto da quelli democratici e liberali. In seguito, vedremo come il potere è capace di costruire (o decostruire) il nostro senso della storia e della realtà.

Sabato 18 Aprile. Potere e denaro

In un’epoca in cui l’economia occupa il cuore del dibattito politico, monopolizzando la discussione, è necessario analizzare il rapporto che lega il potere politico allo sviluppo dell’economia e le possibilità di intervento reciproco tra i due ambiti. L’evoluzione della politica monetaria e dell’intervento statale in economia sono state le chiavi della storia degli ultimi due secoli e ancora oggi occupano un tema centrale.

Dove

I nostri podcast

Ti sei perso uno dei nostri eventi? Nessun problema! Di seguito trovi tutte le registrazioni audio, divise per categorie (e anche qualche bonus direttamente dal nostro Sophron Podcast).

Laboratori

Gli articoli

Leggi tutti i nostri articoli cliccando qui o sfogliando le sezioni del menu e dialoga con noi nella sezione commenti! Di seguito, invece, qualche anteprima:

  • Cubismo: il punto di vista di Dio sul mondo

    Cubismo: il punto di vista di Dio sul mondo

    I primissimi anni del XX secolo vedono l’avvicendarsi quasi simultaneo di riflessioni che, pur in ambiti diversi come la fisica teoretica, la filosofia o l’arte, si incentrano tutti sullo stesso concetto: quello di punto di vista. In particolare, tutte le teorie elaborate in questi ambiti si concentrano sul fatto che ogni cosa esistente può essere...

    Read More
  • Il Pascoli della fisica

    Il Pascoli della fisica

    Nel pensare ad un autore come Giovanni Pascoli difficilmente saremmo portati a richiamare concetti appartenenti al mondo della fisica. Tuttavia, anche se spesso trascurato, l’insieme dei saperi afferenti al mondo della scienza gioca un ruolo fodamentale nella vita di Pascoli, sia da un punto di vista meramente biografico, sia da un punto di vista contenutistico-letterario....

  • Un cratere non basta

    Un cratere non basta

    Quel freddo, quel tormento non potevano durare. Da dove venissero quelle sensazioni, Lei però non lo sapeva. In quella zolla deserta di cielo, l’universo non poteva che continuare a espandersi e ad allontanarla. Non sagome non contorni non forze la circondano ma solo cielo e tanta, tanta solitudine. Da dove iniziare a creare senza desistere...

  • tried not to think too much last evening

    tried not to think too much last evening

    tried not to think too much last evening did work for the very first bunch of seconds but it’s not always as easy as baking a cake because they often suggest me to think ‘bout good things and the me of today morning liked baking cakes hated eating it ripeness in all, he said; to...

  • Creatività a uni e zeri

    Creatività a uni e zeri

    Stealthy swiftness of a leopard,Happy singing of a bird In the morning, I am loyal Like the comfort of a friend. But the morning grows more lifeless Than the fabric of a rag And the mid-day makes me nervous Like the spirit of a bride. Active frenzy of a beehive, Dreary blackness of a cave....

    Read More
  • Vita e Gioco. Breve analisi esistenzialista del rapporto tra le due dimensioni

    Vita e Gioco. Breve analisi esistenzialista del rapporto tra le due dimensioni

    Quanno se scherza, bisogna esse seri! Alberto Sordi, Il Marchese del Grillo (1981) Che gli esseri umani giochino è un dato di fatto. Qualunque sia l’età, la condizione, la cultura di appartenenza o il contesto, il gioco è una dimensione fondamentale della vita umana. L’attività ludica ricopre infatti un ruolo importante nella nostra crescita, è un valido modo di...

  • Il linguaggio pirahã  Pt. 2: prime critiche ad Everett e i colori

    Il linguaggio pirahã Pt. 2: prime critiche ad Everett e i colori

    Nella puntata precedente abbiamo fatto la conoscenza dei pirahã e analizzato una caratteristica particolare della loro lingua: l’assenza di termini che indichino quantità precise, ossia di numeri. Abbiamo visto come secondo Daniel Everett, il linguista che più a lungo ha studiato il linguaggio pirahã, questa caratteristica sarebbe dovuta al fatto che i pirahã si affiderebbero...

  •  Il linguaggio pirahã  Pt. 1: la grammatica universale e i numeri

    Il linguaggio pirahã Pt. 1: la grammatica universale e i numeri

    Il linguaggio è senza dubbio uno degli aspetti più interessanti e ricchi dello scibile umano. Mezzo primario di comunicazione, esso ha caratterizzato l’uomo fin dalle sue origini. Di tutti i codici esistenti, il linguaggio è sicuramente quello più utilizzato e studiato. Non è quindi sicuramente un caso che all’interno dell’indagine filosofica tutto ciò che ha...

  • I Satere e la loro selezione dell’individuo.

    I Satere e la loro selezione dell’individuo.

    Nell’articolo precedente abbiamo parlato degli spartani e della loro fallimentare selezione dell’individuo: se una popolazione si specializzerà troppo in determinati atteggiamenti, tenderà a sedare la capacità di adattamento tipico della propria specie. Ma esistono esempi contemporanei di talune società? La risposta è sì, e spesso presentano tradizioni talmente al limite dell’umano, dell’etica e della storia...

  • Comunicare in segreto: la soluzione di Diffie ed Hellman

    Comunicare in segreto: la soluzione di Diffie ed Hellman

    A chi non è mai capitato, magari da bambino, di utilizzare l’alfabeto muto, quella serie di gesti e simboli tracciati con le dita che rispecchiano il normale alfabeto ma che possono essere utilizzati per comunicare un messaggio senza far rumore? E a chi non è mai capitato di utilizzarlo per comunicare un messaggio in modo...

  • Lo Spirito di Don Chisciotte

    Lo Spirito di Don Chisciotte

    L’ultimo lavoro del regista Terry Gilliam, già noto per la sua partecipazione ai Monty Python e per film iconici come La leggenda del re pescatore (1991) o L’esercito delle 12 scimmie (1995), è un lungometraggio liberamente ispirato dal Don Chisciotte della Mancia di Miguel de Cervantes. L’uomo che uccise Don Chisciotte (Scheda Imdb), mediamente apprezzato...

    Read More
  • Menti ritmiche: le origini del ritmo musicale

    Menti ritmiche: le origini del ritmo musicale

    Tra i parametri che concorrono a definire la musica, il ritmo è forse quello più intuitivo e primordiale. La presenza di strumenti musicali in grado di produrre unicamente suoni ad altezza indeterminata è, infatti, attestata fin dalle civiltà più arcaiche. In antica Grecia, ad esempio, durante i rituali dedicati al culto dionisiaco erano presenti in...

  • Xavier Dolan agli antipodi delle origini

    Xavier Dolan agli antipodi delle origini

    Nel 2016 esce È solo la fine del mondo di Xavier Dolan, regista ad oggi ventinovenne che ha già all’attivo sei lungometraggi e alcuni videoclip di successo: una promessa del cinema già in parte confermata. Il film è stato infatti scritto, montato, prodotto e diretto in modo molto personale da Dolan stesso, che si è occupato...

  • Suono musicale e rumore: principi antitetici?

    Suono musicale e rumore: principi antitetici?

    Immaginiamo di far ascoltare ad un occasionale amante di musica la sonata KV 545 di Wolfgang Amadeus Mozart. Probabilmente egli constaterà già dai primi secondi di ascolto la bellezza della composizione, elogiando la grazia dei passaggi, la grandezza di Mozart e la maestria dell’esecutore. Immaginiamo poi di fare ascoltare allo stesso il Gruppen für drei...

  • Westworld  – Dove non si costruiscono Intelligenze Artificiali

    Westworld – Dove non si costruiscono Intelligenze Artificiali

    Westworld – Dove tutto è concesso è una serie tv statunitense, prodotta dalla HBO nel 2016 e basata sul film di Michael Crichton Il mondo dei robot (1973). La serie è stata ideata da Lisa Joy e Jonathan Nolan, fratello minore del regista Christopher e co-sceneggiatore di molti dei più famosi titoli del fratello, tra...

  • Dialettica tra Kosmos e Chaos nei Meshuggah

    Dialettica tra Kosmos e Chaos nei Meshuggah

    I Meshuggah nascono nel 1987 a Umeå, in Svezia, dalla mente del chitarrista Fredrik Thordenal (1970) e del cantante Jens Kidman (1966), ai quali si uniranno qualche anno dopo il batterista Tomas Haake (1971) e il chitarrista ritmico Mårten Hagström (1971), tutti membri anche della corrente formazione, che include anche il bassista Dick Lövgren (1980)...

  • Tutti in gita al Museo della Filosofia

    Tutti in gita al Museo della Filosofia

    Il 5 novembre, presso la sede di via Festa del Perdono 7 dell’Università Statale di Milano, ha aperto il primo Museo della Filosofia in Italia (e forse nel mondo). All’inaugurazione abbiamo partecipato anche noi e abbiamo pensato di usare lo spazio dedicato all’articolo del mese di novembre per raccontare questa esperienza. Ma prima, un po’...

    Read More
  • L’ideologia mancante: Il bicchiere d’acqua e il colorante

    L’ideologia mancante: Il bicchiere d’acqua e il colorante

    Abbiamo già trattato in un articolo precedente del comportamento del Movimento 5 Stelle nei mesi successivi alle elezioni. Il periodo di preparazione e accordo con la Lega in vista della formazione dell’attuale governo era stato caratterizzato da procedure atipiche, derise e denigrate dai partiti tradizionali e dalla intelligencija della stampa e della televisione. Queste procedure consistevano...

  • L’ideologia mancante: il Movimento 5 Stelle e la nuova politica

    L’ideologia mancante: il Movimento 5 Stelle e la nuova politica

    Negli ultimi mesi, diverse critiche sono state indirizzate da parte della stampa e di molti partiti politici ai danni dei due partiti usciti “vincitori” dalle elezioni politiche del 4 marzo 2018. Le critiche colpivano non soltanto i contenuti dei loro programmi ma anche e soprattutto le procedure usate da questi partiti per accordarsi e fare...

  • [PRESS] Martin Alvarez Event/Shopping: un’esperienza caleidoscopica

    [PRESS] Martin Alvarez Event/Shopping: un’esperienza caleidoscopica

    Nella giornata di Lunedì 25 Luglio Sophron.it ha partecipato ad un evento dedicato al fashion design nelle persone di Martina Nicoletti, la nostra Caporedattore della sezione Arti, e di Stefano Nicoletti, presente in veste di Ideatore della piattaforma. Tale evento, più precisamente uno Shopping Event, è stato voluto dallo stilista emergente Martin Alvarez il quale,...

Contatti

Lasciaci la tua mail per rimanere aggiornato. Oppure, seguici sui nostri social.

Per informazioni di qualsiasi tipo, contattaci a info@sophron.it o, se ti interessa avere qualche notizia in più sui nostri eventi, scrivici a eventi@sophron.it. In aggiunta, puoi iscriverti alla newsletter:

Footer

Social media

Privacy & cookies policy

Privacy Policy Cookie Policy

© Sophron.it, 2019.