Autore: Mattia Merlini

Caporedattore della sezione Musica & Cinema, dottore in Filosofia, studio Scienze della Musica e dello Spettacolo presso l'Università degli Studi di Milano, con particolare interesse per i settori della popular music, del silenzio in musica e delle avanguardie novecentesche. Musicista e compositore, co-gestisco una piccola casa di produzione cinematografica indipendente, in cui svolgo anche diverse mansioni sul piano tecnico e artistico. Mi interesso, oltre che di musica, cinema e filosofia, di arti visive, letteratura e psicologia. Contattami a: mattia.merlini@sophron.it

Xavier Dolan agli antipodi delle origini

Nel 2016 esce È solo la fine del mondo di Xavier Dolan, regista ad oggi ventinovenne che ha già all’attivo sei lungometraggi e alcuni videoclip di successo: una promessa del cinema già in parte confermata. Il film è stato infatti scritto, montato, prodotto e diretto in modo molto personale da Dolan stesso, che si è occupato…

Dialettica tra Kosmos e Chaos nei Meshuggah

I Meshuggah nascono nel 1987 a Umeå, in Svezia, dalla mente del chitarrista Fredrik Thordenal (1970) e del cantante Jens Kidman (1966), ai quali si uniranno qualche anno dopo il batterista Tomas Haake (1971) e il chitarrista ritmico Mårten Hagström (1971), tutti membri anche della corrente formazione, che include anche il bassista Dick Lövgren (1980)…

The Neon Demon: la bellezza è l’unica cosa

Jesse è un diamante. Una ragazza giovane e pura, ma al contempo tremendamente bella, che decide di buttarsi sul mondo della moda, consapevole ben presto di possedere la chiave di volta per poter ottenere quello che vuole. Si trasferisce quindi a Los Angeles, dove la sua bellezza naturale colpisce subito tanto Dean, giovane fotografo che…

Tassonomia dei silenzi musicali, Pt. 2: Silenzi Archetipici

Nella scorsa parte della nostra trattazione abbiamo visto come si possa distinguere un silenzio mortale da un silenzio mormorante in una prima tassonomia dei silenzi musicali, dedicata a quelli che abbiamo definito “silenzi primordiali”. Andiamo ora a proseguire la ricerca facendo un passo oltre: non più i silenzi che sono condizione di possibilità (o impossibilità)…

L’intima apocalisse interiore di “Melancholia

Melancholia (2011) è il secondo capitolo della “Trilogia della Depressione” diretta da Lars Von Trier, formata oltre che dal film in oggetto anche da Antichrist (2009) e da Nymphomaniac (2014), forse il più riuscito, sicuramente il più emblematico per il titolo della trilogia. Se Antichrist infatti si sofferma sui problemi individuali e di coppia di due genitori “colpevoli” della…

Tassonomia dei silenzi musicali, Pt. 1: Silenzi Primordiali

La musica è in rapporto col silenzio non solo nell’opera di artisti come John Cage (cfr. articolo in merito su questo stesso sito), ma lo è strutturalmente e al di là delle sue caratterizzazioni stilistiche e storiche. Non c’è modo di separare una cosa dall’altra, pena la morte del suono o la fine della forma,…

Neon Genesis Evangelion: una lettura schopenaueriana

Un primo approccio alla serie animata giapponese Neon Genesis Evangelion può condurre ad una visione incompleta di ciò che è la sua reale sostanza. Apparentemente un’ottima storia post-apocalittica in cui l’uomo cerca di liberarsi dei propri nemici alieni mediante l’uso di enormi mech pilotati da ragazzini. Un setting fantascientifico tutto sommato classico, contornato da personaggi molto ben…

Il Silenzio nell’Arte Pt. 3: Informale

Per quest’ultima parte della trattazione del silenzio nell’arte visiva, questa volta come negazione della forma, ci spostiamo in Italia, anzi, più precisamente per prima cosa in Argentina: Lucio Fontana (1899-1968) nasce, infatti, nel 1899 a Rosario de Santa Fé, da genitori italiani emigrati in Sudamerica, come molti altri in quel tempo. Ottenuta in Italia la padronanza…

Il Silenzio nell’Arte Pt. 2: Suprematismo

Negli stessi anni in cui il già analizzato Dadaismo spicca il volo in Svizzera, in Russia prende piede la cosiddetta Avanguardia Russa di cui parte integrante è il Suprematismo. Fondatore e principale esponente di tale corrente è Kazimir Severinovič Malevič (1878-1935), autore di opere che esaltano la meditazione, l’essenzialità e la purezza spinte fino alla scoperta…

L’ottava arte

La storia si ripete. Sempre, nel bene e nel male. E così alcuni fatti sottoposti all’occhio (critico, ed è per questa ragione che un articolo di questo tipo compare nella rubrica Occhio critico pur non trattando primariamente di cinema) di un videogiocatore ormai praticamente in pensione – ma comunque attento osservatore dell’evoluzione del medium quantomeno dall’esterno, e al…