L'INTELLIGENZA ARTIFICIALE
Tra logica, etica ed estetica
Biblioteca Civica ``Villa Burba``, Rho (MI), Corso Europa 291
FILOSOFIE DEL
NULLA
Civico Planetario ``Ulrico Hoepli``, Milano, Parco Indro Montanelli
LA SOCIETÀ CONTEMPORANEA
TRA DENARO E POTERE
Biblioteca Civica ``Villa Burba``, Rho (MI), Corso Europa 291

I nostri speakers

Uno sguardo più da vicino ai nostri speakers.


Davide Venturi

Davide Venturi

Dottore in Filosofia

Collaboratore di Sophron.it da aprile 2018, è studente di Scienze della Musica e dello Spettacolo a curriculum musicologico presso l’Università degli Studi di Milano. I suoi interessi spaziano dalla filosofia, alla letteratura e all’arte, con particolare riguardo per l’ estetica, la filosofia del linguaggio, la conservazione dei beni artistico-letterari e la storia della musica. Musicista polistrumentista, si dedica allo studio del liuto, alla composizione amatoriale e alla trascrizione di composizioni medio-rinascimentali. È bassista del gruppo black metal Babadook.

Maggiori info:

Davide Venturi si è laureato in Filosofia con Alessandro Zucchi presso l’Università degli studi di Milano, discutendo la tesi Il linguaggio pirahã: una controversia linguistica.

Dopo la laurea ha trascorso un periodo lavorativo come inventarista presso la biblioteca di Scienze dell’Antichità e Filologia Moderna (SA.FM) della stessa università, iniziando in contemporanea il corso di laurea magistrale in Scienze della Musica e dello Spettacolo.

I suoi interessi principali all’interno di tale corso vertono sulla semantica musicale, sulla musica in quanto linguaggio espressivo indipendente dal genere, sull’evoluzione della musica e delle teorie musicali, sui rapporti tra arte e altre discipline (con particolare riguardo alla filosofia e alla scienza) e sulla conservazione del patrimonio artistico-musicale.

Francesco Marsigli

Francesco Marsigli

Dottore in Filosofia

Coordinatore dei collaboratori, autore per la sezione Filosofia & Scienza e responsabile della sezione Press, studia Filosofia presso l’Università degli Studi di Milano con particolare attenzione agli studi di filosofia teoretica e politica.

Maggiori info:

Francesco Marsigli è laureando in Filosofia presso l’Università degli Studi di Milano.

I suoi interessi si concentrano principalmente in ambito umanistico, dividendosi tra gli studi storico-politici e quelli più prettamente filosofici (in particolare, fenomenologia, filosofia della mente, filosofia della scienza, epistemologia e gnoseologia).

I suoi piani per il futuro prevedono, oltre all’impegno nel progetto di Sophron.it, la prosecuzione degli studi universitari in ambito filosofico e l’inizio della carriera universitaria, partendo dalla ricerca per arrivare fino all’insegnamento.

Mattia Merlini

Mattia Merlini

Dottore in Filosofia

Caporedattore della sezione Musica & Cinema, studia Scienze della Musica e dello Spettacolo presso l’Università Statale di Milano, con particolare interesse per i settori dell’estetica, dell’etica e della politica. Musicista e compositore, co-gestisce una piccola casa di produzione cinematografica indipendente, in cui svolge anche diverse mansioni sul piano tecnico e artistico. Si interessa inoltre di arti visive, letteratura e psicologia.

Maggiori info:

Mattia Merlini si è laureato col massimo dei voti in Filosofia con Paolo Spinicci presso l’Università degli Studi di Milano, discutendo la tesi Le proprietà espressive del silenzio in musica, e studia Scienze della Musica e dello Spettacolo presso la stessa Università.

I suoi interessi spaziano da aree filosofiche (in particolare estetica, etica, politica, antropologia, psicologia, sociologia e storia della filosofia) ad aree prettamente artistiche soprattutto (ma non solo) relative alla musica e al cinema (in particolare lo studio della popular music o “musica leggera”, la storia della musica occidentale, le tecniche compositive contemporanee specialmente nelle loro compenetrazioni con il pensiero filosofico, il cinema come strumento concettuale, la musica da film, la storia del cinema…), con particolare riguardo per problemi trasversali come l’espressività e il silenzio.

Oltre a scrivere per Sophron.it, in cui è caporedattore della sezione Musica & Cinema, e condurre i laboratori FilosofiAMO, ricopre numerosi ruoli e soprattutto quello di compositore delle musiche presso la società cinematografica indipendente IGELfilm, nel mentre lavora a un progetto musicale solista.

I suoi piani per il futuro includono la prosecuzione della carriera universitaria per dedicarsi alla ricerca in campo musicologico (prevalentemente ambito della popular music) e all’insegnamento accademico.

Contattami a: mattia.merlini@sophron.it

Stefano Nicoletti

Stefano Nicoletti

Dottore in Filosofia

Ideatore del progetto, Direttore di Sophron.it e Caporedattore della sezione Letteratura & Arti, studia Filosofia dell’Informazione presso l’Università degli Studi di Urbino “Carlo Bo” con predilezione particolare verso ogni pensiero o pensatore che possa legarsi in qualche modo alla comunicazione o al comunicare interrelato. In particolare i suoi ambiti di interesse si concentrano sull’informazione, la tecnologia e i loro risvolti sulla vita di ognuno di noi. Si interesso inoltre di Letteratura, Arte, Informatica e Musica.

Maggiori info:

Stefano Nicoletti si è laureato con Marcello d’Agostino e Alberto Martinengo in Filosofia presso l’Università degli Studi di Milano, discutendo la tesi An ethical overview on the problem of public-private blending in today’s information society, e studia Filosofia dell’Informazione, Teorie e Gestione della Conoscenza presso l’Università di Urbino “Carlo Bo”.

I suoi interessi spaziano da aree scientifiche (matematica, fisica, meccanica quantistica, neuroscienze, informatica, complessità computazionale) ad aree filosofiche (filosofia della scienza, epistemologia, filosofia della mente, filosofia ed etica dell’informazione e della privacy, filosofia della matematica, logica) e umanistiche in generale (musica, letteratura, poesia). Oltre a scrivere per Sophron.it, di cui è direttore e caporedattore (sezione Letteratura), e condurre i laboratori FilosofiAMO, si occupa di podcasting letterario-filosofico per la piattaforma online Humble Mumble, progetto di cui è autore e cofondatore. È inoltre socio per l’area filosofica del CEST | il Centro per l’Eccellenza e gli Studi Transdisciplinari, sito in Torino.

I suoi piani per il futuro, al di fuori dello sviluppo dei progetti precedenti, prevedono la continuazione del percorso accademico e l’ingresso nel mondo dell’insegnamento – accademico, appunto, o liceale – del quale ha già avuto una episodica esperienza.

Contattami a: stefano.nicoletti@sophron.it

I nostri eventi, nel dettaglio

Scopri il perché, quando e dove dei nostri eventi.

L'intelligenza Artificiale

Tra logica, etica ed estetica

Perché

L’idea del ciclo di incontri dedicato all’Intelligenza Artificiale nasce da un’esigenza che la vita quotidiana mette davanti agli occhi di ciascuno di noi: gli algoritmi, le decisioni automatizzare e le cosiddette AIs, le Intelligenze Artificiali appunto, giocano un ruolo sempre più di rilievo all’interno della società a noi contemporanea.

I contenuti che fruiamo sui maggiori social network e sulle nostre piattaforme di streaming preferite, le modalità con cui vengono elaborati i dati che disseminiamo nel mondo digitale, i mezzi con cui aziende e società prendono decisioni razionali in maniera automatizzata e persino le nostre performance artistiche e musicali: con tutto questo, e molto altro, si intrecciano le attività degli agenti artificiali.

Per rispondere alle domande filosoficamente interessanti, e alle paure talvolta irrazionali, che questo contesto iperconnesso, e ricco di interazioni tra uomo e macchine, ci pone di fronte Sophron ha ideato una serie di incontri, suddivisi su tre giornate, in cui tali questioni vengono affrontate con perizia, ma sempre in modo accessibile. Non mancherà il dialogo con il pubblico: anzi, i veri protagonisti delle nostre iniziative siete voi!

Facebook defines who we are, Amazon defines what we want, and Google defines what we think.

George Dyson

Quando

Il ciclo si articola in tre incontri, della durata di circa due ore e mezza: indicativamente, dalle ore 15.00 alle ore 17.30. Di seguito il programma dettagliato di ciascuna giornata:

Sabato 5 Ottobre. I computer possono pensare?

Quando si parla di intelligenza artificiale, di cosa si sta parlando? Quali sono le basi teoriche di questa affascinante sfida del XX e XXI secolo? Nel primo incontro affronteremo le basi filosofiche della comprensione della mente e dell’intelligenza e ne vedremo una prima applicazione tecnica attraverso l’analisi delle Macchine di Turing.

Sabato 9 Novembre. L'Intelligenza Artificiale forte

Sono molti i timori che circondano l’Intelligenza Artificiale: quanto è vicina la singolarità? I robot ci conquisteranno? Affronteremo il problema tramite gli studi di Luciano Floridi e di John Searle per distinguere tra Intelligenze Artificiali forti e deboli, per comprendere quali siano i problemi che realisticamente potremmo incontrare nel futuro più prossimo.

Sabato 7 Dicembre. La creatività computazionale

L’evoluzione dell’informatica ha portato molte innovazioni nella vita di tutti giorni, tra cui anche lo sviluppo di software dedicati alla creazione di musica, letteratura e pittura. Affrontando un caso di studio legato alla composizione musicale, analizzeremo le problematiche estetiche legate a questi utilizzi dell’Intelligenza Artificiale.

Dove

Filosofie del nulla

Dai letterati alla scienza contemporanea

Perché

Ormai al secondo incontro presso il Civico Planetario “Ulrico Hoepli” di Milano, Sophron decide di presentare un incontro che tematizzi il concetto di nulla all’interno della filosofia, in un viaggio che parte da spunti letterari fino ad arrivare alle scoperte sperimentali della fisica a noi contemporanea. C’è, ad oggi, una disciplina che può davvero rivendicare la comprensione del nulla?

Se consideriamo i prodromi di questa questione, possiamo osservare che la vertiginosa vastità dell’universo ha da sempre richiamato, nell’immaginario di filosofi e poeti, la necessità di ricorrere ai concetti di vuoto e di nulla. La stessa filosofia, fin dagli albori, si è trovata a maneggiare questa nozione, proponendone letture differenti, già a partire da eminenti pensatori come Parmenide e Platone. Possiamo davvero pensare di fermarci qui?

[…] quando sarà tra mondo e mondo il Vuoto
gelido oscuro tacito perenne;
e il Tutto si confonderà nel Nulla,
come il bronzo nel cavo della forma;
e più la morte non sarà.

Giovanni Pascoli

Quando

La conferenza inizierà alle ore 21.00 e durerà un'ora circa. Invitiamo i partecipanti ad arrivare con debito anticipo sul luogo, onde evitare file o disagi. o

Martedì 19 Novembre. Filosofie del nulla

La filosofia successiva a Platone e Parmenide di certo non limita le proprie ambizioni: in alcuni casi, addirittura, il nulla è stato rivendicato come un concetto esclusivo dello stesso ragionare filosofico. Proprio i filosofi, infatti, hanno spesso esibito la convinzione che la scienza non fosse in grado di indagarlo o prenderlo davvero in considerazione. Ma è realmente così? Tramite un’analisi delle posizioni filosofiche più rilevanti sul concetto di nulla, ci proponiamo di ripercorrerne la storia, considerandone poi il ruolo all’interno della scienza contemporanea e nella meccanica quantistica: ci faremo infatti stupire dagli incredibili rompicapi offerti dalle misurazioni in negativo, che, cioè,
ottengono risultati rilevando proprio la presenza di… niente!

Dove

La società contemporanea tra denaro e potere

Uno sguardo nell'immagine riflessa della nostra quotidianità

Perché

Denaro e potere si configurano sicuramente come due poli attrattivi della contemporaneità.

Entrambi questi fattori, oggi più che mai, sono interconessi al mondo della rete: censura, transazioni monetarie online, criptovalute, sorveglianza di massa e algoritmi da cui dipendono le vite di milioni di persone. A questo si aggiunge una complicata sovrastruttura fatta di relazioni tra il mondo politico e il mondo economico; relazione che ha impegnato (quantomeno) i pensatori degli ultimi duecento anni, a partire da Karl Marx.

In questo sfaccettato ciclo di incontri, Sophron si propone di analizzare il rapporto che intercorre tra il denaro e il potere, all’interno delle declinazioni contemporanee che influenzano la vita di ciascuno di noi. Come da tradizione, nei nostri laboratori, gli argomenti verranno trattati in maniera seria ma informale: il vero protagonismo sarà il vostro, all’interno del dibattito a cui tutti noi parteciperemo!

Vai fuori di qui! Le ultime parole vanno bene per gli sciocchi che non hanno detto abbastanza in vita.

 

Karl Marx

Quando

Il ciclo si articola in tre incontri, della durata di circa due ore e mezza: indicativamente, dalle ore 15.00 alle ore 17.30. Di seguito il programma dettagliato di ciascuna giornata:

Sabato 22 Febbraio. Potere e dati

Chi possiede conoscenza, ha potere. Oggi la raccolta dei dati tramite internet è una delle attività più diffuse e capillari, a cui spesso ci sottoponiamo volontariamente, e che permette a chi detiene questi dati di esercitare un netto potere sulla società. Analizzeremo vari casi specifici in ambito economico, elettorale, militare e artistico, per valutare le implicazioni di questi processi sulle decisioni degli individui e sulla loro vita.

Sabato 28 Marzo. Potere e censura

L’utilizzo della censura è stato onnipresente nei regimi totalitari del XX secolo ma oggi non è scomparso: le nuove tecniche di censura vanno dalla coercizione all’autocensura indotta o all’utilizzo di tecnologie particolari. Queste sono utilizzate tanto dai paesi autoritari quanto da quelli democratici e liberali. In seguito, vedremo come il potere è capace di costruire (o decostruire) il nostro senso della storia e della realtà.

Sabato 18 Aprile. Potere e denaro

In un’epoca in cui l’economia occupa il cuore del dibattito politico, monopolizzando la discussione, è necessario analizzare il rapporto che lega il potere politico allo sviluppo dell’economia e le possibilità di intervento reciproco tra i due ambiti. L’evoluzione della politica monetaria e dell’intervento statale in economia sono state le chiavi della storia degli ultimi due secoli e ancora oggi occupano un tema centrale.

Dove

I nostri podcast

Ti sei perso uno dei nostri eventi? Nessun problema! Di seguito trovi tutte le registrazioni audio, divise per categorie (e anche qualche bonus direttamente dal nostro Sophron Podcast).

Laboratori

Gli articoli

Leggi tutti i nostri articoli cliccando qui o sfogliando le sezioni del menu e dialoga con noi nella sezione commenti! Di seguito, invece, qualche anteprima:

  • Cubismo: il punto di vista di Dio sul mondo

    Cubismo: il punto di vista di Dio sul mondo

    I primissimi anni del XX secolo vedono l’avvicendarsi quasi simultaneo di riflessioni che, pur in ambiti diversi come la fisica teoretica, la filosofia o l’arte, si incentrano tutti sullo stesso concetto: quello di punto di vista. In particolare, tutte le teorie elaborate in questi ambiti si concentrano sul fatto che ogni cosa esistente può essere...

    Read More
  • Il Pascoli della fisica

    Il Pascoli della fisica

    Nel pensare ad un autore come Giovanni Pascoli difficilmente saremmo portati a richiamare concetti appartenenti al mondo della fisica. Tuttavia, anche se spesso trascurato, l’insieme dei saperi afferenti al mondo della scienza gioca un ruolo fodamentale nella vita di Pascoli, sia da un punto di vista meramente biografico, sia da un punto di vista contenutistico-letterario....

  • Un cratere non basta

    Un cratere non basta

    Quel freddo, quel tormento non potevano durare. Da dove venissero quelle sensazioni, Lei però non lo sapeva. In quella zolla deserta di cielo, l’universo non poteva che continuare a espandersi e ad allontanarla. Non sagome non contorni non forze la circondano ma solo cielo e tanta, tanta solitudine. Da dove iniziare a creare senza desistere...

  • tried not to think too much last evening

    tried not to think too much last evening

    tried not to think too much last evening did work for the very first bunch of seconds but it’s not always as easy as baking a cake because they often suggest me to think ‘bout good things and the me of today morning liked baking cakes hated eating it ripeness in all, he said; to...

  • Il linguaggio pirahã  Pt. 2: prime critiche ad Everett e i colori

    Il linguaggio pirahã Pt. 2: prime critiche ad Everett e i colori

    Nella puntata precedente abbiamo fatto la conoscenza dei pirahã e analizzato una caratteristica particolare della loro lingua: l’assenza di termini che indichino quantità precise, ossia di numeri. Abbiamo visto come secondo Daniel Everett, il linguista che più a lungo ha studiato il linguaggio pirahã, questa caratteristica sarebbe dovuta al fatto che i pirahã si affiderebbero...

  •  Il linguaggio pirahã  Pt. 1: la grammatica universale e i numeri

    Il linguaggio pirahã Pt. 1: la grammatica universale e i numeri

    Il linguaggio è senza dubbio uno degli aspetti più interessanti e ricchi dello scibile umano. Mezzo primario di comunicazione, esso ha caratterizzato l’uomo fin dalle sue origini. Di tutti i codici esistenti, il linguaggio è sicuramente quello più utilizzato e studiato. Non è quindi sicuramente un caso che all’interno dell’indagine filosofica tutto ciò che ha...

  • I Satere e la loro selezione dell’individuo.

    I Satere e la loro selezione dell’individuo.

    Nell’articolo precedente abbiamo parlato degli spartani e della loro fallimentare selezione dell’individuo: se una popolazione si specializzerà troppo in determinati atteggiamenti, tenderà a sedare la capacità di adattamento tipico della propria specie. Ma esistono esempi contemporanei di talune società? La risposta è sì, e spesso presentano tradizioni talmente al limite dell’umano, dell’etica e della storia...

  • Comunicare in segreto: la soluzione di Diffie ed Hellman

    Comunicare in segreto: la soluzione di Diffie ed Hellman

    A chi non è mai capitato, magari da bambino, di utilizzare l’alfabeto muto, quella serie di gesti e simboli tracciati con le dita che rispecchiano il normale alfabeto ma che possono essere utilizzati per comunicare un messaggio senza far rumore? E a chi non è mai capitato di utilizzarlo per comunicare un messaggio in modo...

  • Il Dio di Newton

    Il Dio di Newton

    Siamo abituati a pensare a scienza e religione come un binomio impossibile, i cui membri si basano l’uno sulla ragione e l’altro sulla fede, entrando inevitabilmente in contrasto. Un caso emblematico è quello di Galilei, dove la nuova scienza fu ostacolata dalla religione, ancora relegata alla tradizione aristotelica. Nonostante ciò, moltissimi scienziati, dalla nascita della scienza...

  • Menti ritmiche: le origini del ritmo musicale

    Menti ritmiche: le origini del ritmo musicale

    Tra i parametri che concorrono a definire la musica, il ritmo è forse quello più intuitivo e primordiale. La presenza di strumenti musicali in grado di produrre unicamente suoni ad altezza indeterminata è, infatti, attestata fin dalle civiltà più arcaiche. In antica Grecia, ad esempio, durante i rituali dedicati al culto dionisiaco erano presenti in...

    Read More
  • Xavier Dolan agli antipodi delle origini

    Xavier Dolan agli antipodi delle origini

    Nel 2016 esce È solo la fine del mondo di Xavier Dolan, regista ad oggi ventinovenne che ha già all’attivo sei lungometraggi e alcuni videoclip di successo: una promessa del cinema già in parte confermata. Il film è stato infatti scritto, montato, prodotto e diretto in modo molto personale da Dolan stesso, che si è occupato...

  • Suono musicale e rumore: principi antitetici?

    Suono musicale e rumore: principi antitetici?

    Immaginiamo di far ascoltare ad un occasionale amante di musica la sonata KV 545 di Wolfgang Amadeus Mozart. Probabilmente egli constaterà già dai primi secondi di ascolto la bellezza della composizione, elogiando la grazia dei passaggi, la grandezza di Mozart e la maestria dell’esecutore. Immaginiamo poi di fare ascoltare allo stesso il Gruppen für drei...

  • Westworld  – Dove non si costruiscono Intelligenze Artificiali

    Westworld – Dove non si costruiscono Intelligenze Artificiali

    Westworld – Dove tutto è concesso è una serie tv statunitense, prodotta dalla HBO nel 2016 e basata sul film di Michael Crichton Il mondo dei robot (1973). La serie è stata ideata da Lisa Joy e Jonathan Nolan, fratello minore del regista Christopher e co-sceneggiatore di molti dei più famosi titoli del fratello, tra...

  • Dialettica tra Kosmos e Chaos nei Meshuggah

    Dialettica tra Kosmos e Chaos nei Meshuggah

    I Meshuggah nascono nel 1987 a Umeå, in Svezia, dalla mente del chitarrista Fredrik Thordenal (1970) e del cantante Jens Kidman (1966), ai quali si uniranno qualche anno dopo il batterista Tomas Haake (1971) e il chitarrista ritmico Mårten Hagström (1971), tutti membri anche della corrente formazione, che include anche il bassista Dick Lövgren (1980)...

  • The Neon Demon: la bellezza è l’unica cosa

    The Neon Demon: la bellezza è l’unica cosa

    Jesse è un diamante. Una ragazza giovane e pura, ma al contempo tremendamente bella, che decide di buttarsi sul mondo della moda, consapevole ben presto di possedere la chiave di volta per poter ottenere quello che vuole. Si trasferisce quindi a Los Angeles, dove la sua bellezza naturale colpisce subito tanto Dean, giovane fotografo che...

  • L’ideologia mancante: Il bicchiere d’acqua e il colorante

    L’ideologia mancante: Il bicchiere d’acqua e il colorante

    Abbiamo già trattato in un articolo precedente del comportamento del Movimento 5 Stelle nei mesi successivi alle elezioni. Il periodo di preparazione e accordo con la Lega in vista della formazione dell’attuale governo era stato caratterizzato da procedure atipiche, derise e denigrate dai partiti tradizionali e dalla intelligencija della stampa e della televisione. Queste procedure consistevano...

    Read More

Contatti

Lasciaci la tua mail per rimanere aggiornato. Oppure, seguici sui nostri social.

Iscriviti alla newsletter:

Footer

Social media

Privacy & cookies policy

Privacy Policy Cookie Policy

© Sophron.it, 2019.